Contrabbasso – Diploma accademico di II livello

Corso di Diploma Accademico di secondo livello in CONTRABBASSO (indirizzo interpretativo-compositivo)

 

Obiettivi formativi

Il percorso formativo previsto ha l’obiettivo di assicurare una piena e completa preparazione strumentale di eccellenza, una competenza storico-analitica di base riferita al settore di competenza, una accurata consapevolezza critica garantendo un’adeguata padronanza di metodologie e tecniche esecutive entro un percorso rivolto all’acquisizione di specifiche competenze disciplinari e professionali, che consentano di accedere al mondo del lavoro con una preparazione adeguata e professionalmente inappuntabile, in linea con gli standard europei.

Titolo di studio per l’ammissione

L’accesso ai Corsi accademici di II livello non prevede limiti d’età e di nazionalità. È subordinato al superamento di un esame di ammissione e all’effettiva disponibilità di posti. Possono presentare domanda di accesso ai corsi:
a) studenti in possesso di un diploma accademico di I livello conseguito presso Conservatori Statali di Musica e Istituti Musicali Pareggiati italiani, ovvero Istituzioni straniere di pari grado;
b) studenti in possesso di un diploma di Conservatorio (vecchio ordinamento);
c) studenti in possesso di laurea, o titolo equipollente.
 

Prove di ammissione

1. Prova pratica della durata complessiva di 30 minuti, su programma a libera scelta del candidato;
2. Colloquio teso a verificare la preparazione generale del candidato e a saggiarne gli interessi musicali.

CFA: 21
Ore di docenza : 35

Contenuti formativi: Approfondimenti tecnico interpretativi della fascia di studi dedicata alla preparazione professionale attraverso lo studio di testi didattici previsti, brani dal repertorio solistico, da camera ed orchestra previsti dai programmi degli esami e scelti dai singoli studenti.

Bibliografia e repertorio: Metodi di Billè (capricci,) Simanl, Caimmi, Mengoli. Brani di Bottesini, Eccles, Koussevitzky, Dragonetti, Fryba, Vanhal, Dittersdorf, Rota ed altri scelti dai singoli studenti come previsto dai programmi d’esame.

Modalità dell’esame: esecuzione musicale secondo lo schema seguente:
1. Esecuzione dei seguenti brani: HANS FRYBA “Suite im alten still”, preludio;
2. Esecuzione di un concerto a scelta fra: K.D.V. DITTERDORF, concerto in mi, D. DRAGONETTI, concerto in la;
3. Esecuzione di un brano a libera scelta del candidato;
4. Esecuzione di due studi dai 20 studi da concerto di A. Mengoli.

CFA : 21
Ore di lezione : 35

Contenuti formativi: vedi primo anno.

Bibliografia e repertori: vedi primo anno.

Modalità dell’esame: esecuzione musicale e altre prove secondo lo schema seguente:
1. Hans Fryba tutta la suite in “Alten stil”;
2. Un concerto a scelta del candidato tra il Concerto in si min. di Giovanni Bottesini ed il concerto in fa diesis minore di S. Koussevitzky;
3. Uno studio scelto dal candidato dal metodo A.Mengoli (20 studi da concerto) tra i numeri 5 e 12;
4. Uno studio scelto dal candidato dal metodo I.Caimmi (la tecnica superiore) tra i numeri 3 e 10;
5. Uno studio scelto dal candidato dai Capricci di I.Billè;
6. Esecuzione di un passo d’orchestra, previo studio di 2 ore, del repertorio del 900;
7. Esecuzione estemporanea, in quartetto, di una delle sei sonate di Rossini, per 2 violini, violoncello e contrabbasso, scelta dalla commissione.

CFA:10

La prova finale si dovrà configurare in maniera diversa rispetto agli esami di I e II annualità. Essa dovrà infatti avere un carattere monografico e l’esecuzione pratica, di una durata indicativamente compresa fra i 20 e i 30 minuti, dovrà essere seguita da una discussione di 20 minuti circa nella quale il candidato esporrà le ragioni delle sue scelte di repertorio e interpretative. Nella prova finale non si potranno eseguire brani presentati agli altri esami.