Percorso con metodo Suzuki

SUONARE COME PARLARE

L’educazione musicale a partire dai 3 anni di età

Il reale motivo della venuta in Occidente di Shiniki Suzuki, fondatore dell’omonimo metodo, era quello di comprendere il vero significato dell’Arte, risposta che sperava di trovare nell’Europa degli anni ’20 – ’30. A Berlino egli non solo studiò violino con Karl Klingher, allievo di Joachim ed affermato violinista e insegnante, ma divenne intimo amico di Albert Einstein e conobbe le nuove idee sull’educazione dei bambini che si stavano diffondendo grazie alla generazione di Maria Montessori e Jean Piaget. La ricchezza della cultura musicale europea e la messa a punto di nuovi e rivoluzionari metodi educativi furono il fertile terreno da cui, grazie a Shiniki Suzuki, nacque il “Metodo Suzuki”. Suzuki aveva compreso che “l’imitazione” è alla base del processo d’apprendimento umano nei primi stadi della vita e, attraverso il metodo che egli chiamò “della lingua madre”, dimostrò che si poteva insegnare a suonare ad un bambino così come gli si insegna a parlare. Come infatti un bambino impara a parlare ascoltando e ripetendo continuamente le parole dette inifinite volte dai genitori, così impara a suonare ascoltando e ripetendo continuamente un frammento musicale, un ritmo, una melodia. Attraverso il Metodo Suzuki la musica entra a far parte in modo del tutto naturale della vita del bambino e della sua famiglia, “metodo di vita”. Attraverso l’inserimento prima nei gruppi ritmica Children’s Music Laboratory e poi nell’Orchestra, il bambino si confronta costantemente con i suoi compagni, imparando a capire in modo concreto il proprio ruolo all’interno di un gruppo, il proprio stile particolarissimo, la propria capacità di stare e di fare con gli altri senza rinunciare ad essere, come direbbe Suzuki, “profondamente se stesso”.

 

A chi si rivolgono i corsi? Bambini in età prescolare (3-6 anni).ss

Frequenza: Lezioni collettive di 1 ora a cadenza settimanale, da novembre a maggio. Alla lezione partecipa attivamente anche il genitore.

Obiettivi: Formazione dell’orecchio, sviluppo della coordinazione motoria e della motricità fine particolarmente utili alla pratica strumentale, potenziamento della memoria e delle capacità di autocontrollo, disciplina in relazione al gruppo.

Al termine del 1° anno di Children Music Laboratory, secondo i suoi desideri e le attitudini dimostrate, il bambino accede ai corsi di strumento con metodologia suzuki di VIOLINO e VIOLONCELLO.