Corsi base

Esame di ammissione
Per accedere ai corsi di base il candidato dovrà sostenere e superare un esame di ammissione a numero chiuso. Le domande dovranno essere presentate solo in MODALITA’ ON-LINE. I programmi di ammissione, dove non diversamente specificato, sono liberi a scelta del candidato.

Le modalità e le date degli esami di ammissione verranno stabilite a breve.

 

Regolamento dei Corsi di base
(Approvato con delibera n.18 del Consiglio accademico dell’11 giugno 2020)

 

Art. 1
Il presente regolamento disciplina i Corsi di base, istituiti ai sensi dell’art. 2, comma 8, lettera d) della Legge 508/1999, dell’art. 12 del DPR 212/2005 e dell’art 42 del Regolamento didattico dell’ISSM “L. Boccherini”.

 

Art. 2 – Finalità
I Corsi di base sono istituiti al fine di assicurare una preparazione adeguata all’accesso ai Corsi Propedeutici di cui al DM 382 dell’11 maggio 2018, Decreto sull’armonizzazione dei percorsi formativi della filiera artistico-musicale adottato ai sensi dell’articolo 15 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n.60.

 

Art.3 – Definizione delle Discipline d’indirizzo
Sono attivati i corsi di base relativi alle seguenti discipline di indirizzo: Arpa, Chitarra, Clarinetto, Contrabbasso, Corno, Fagotto, Flauto, Oboe, Pianoforte, Strumenti a Percussione, Tromba, Trombone, Viola, Violino, Violoncello.

 

Art. 4 – Ammissione ai Corsi di base
Per accedere ai Corsi di base è necessario superare un esame di ammissione (o un esame attitudinale). L’età minima di accesso ai Corsi di base è 11 anni, corrispondenti alla prima classe della scuola media inferiore. In casi di particolari e precoci attitudini, certificate dalla commissione al termine dell’esame, può essere valutata l’ammissione di candidati minori di età inferiore.

 

Art. 5 – Durata
I Corsi di base hanno una durata variabile da un minimo di uno al massimo di cinque anni. Decorsi i cinque anni l’allievo, per continuare il proprio percorso di studi, dovrà superare l’esame di ammissione ai corsi propedeutici. L’accesso ai corsi propedeutici è condizionato al risultato dell’esame di ammissione e al numero di posti disponibili. Non si danno possibilità di prolungamento della frequenza dei Corsi di base oltre il quinto anno.

 

Art. 6 – Struttura dei corsi
I Corsi di base prevedono 28 lezioni annue di 45 minuti nella disciplina di indirizzo. Oltre alla disciplina di indirizzo, l’allievo potrà frequentare, per un periodo variabile da uno a quattro anni, il corso di Teoria, ritmica e percezione musicale (27 lezioni da 1,5 H). Il livello raggiunto in uscita sarà influente ai fini dell’inserimento nel corso di Teoria, ritmica e percezione musicale del corso propedeutico. Gli allievi dei Corsi di base di età inferiore ai 14 anni potranno far parte del Coro di voci bianche, che verrà attivato con un minimo di 20 allievi.

 

Art. 7 – Obblighi di frequenza
Gli studenti hanno l’obbligo di frequentare almeno l’80 % delle lezioni di ogni materia. Qualora le assenze non giustificate superino il 20 % delle lezioni, lo studente perde il diritto a iscriversi all’anno successivo. Potrà essere riammesso ai Corsi di base solo attraverso un nuovo esame di ammissione.

 

Art. 8 – Docenza e organizzazione didattica
Di norma i corsi di base sono affidati a docenti/esperti esterni selezionati dal Conservatorio in base a graduatorie interne redatte tramite procedure selettive comparative. Il Conservatorio garantisce forme di tutoraggio e supervisione didattica finalizzati al miglior raccordo con i corsi propedeutici ex DM 382. Le lezioni hanno luogo all’interno del Conservatorio secondo il calendario lezioni annuale. Al fine di consentire la contemporanea frequenza dei corsi di base e della scuola dell’obbligo, il Conservatorio garantisce la programmazione delle lezioni in orario pomeridiano e organizza le lezioni degli studenti in modo da consentire, per quanto possibile, la frequenza di più discipline nella stessa giornata.

 

Art. 9 – Programmi di studio
I programmi di studio dei Corsi di base sono fortemente individualizzati e stabiliti sulla base delle competenze in entrata dell’allievo e della durata prevedibile del percorso di apprendimento in funzione degli obiettivi formativi e delle competenze previste in uscita.

 

Art. 10 – Valutazioni e passaggi di anno
Al termine di ogni anno il docente esprimerà, sul registro delle presenze, una valutazione sul percorso di apprendimento dell’allievo, sentito il docente o i docenti di riferimento dei corsi accademici all’interno del Conservatorio. Se la valutazione sarà negativa per due anni consecutivi, l’allievo non potrà iscriversi all’anno successivo.

 

Art.11 – Esibizioni degli allievi
Gli allievi dei Corsi di base potranno, a giudizio dell’insegnante, essere impegnati in forme di esibizione pubblica all’interno della programmazione didattica dell’Istituto.

 

Art.12 – Oneri finanziari
Gli importi dei contributi per l’iscrizione e frequenza dei Corsi base, sono stabiliti annualmente dal Consiglio di amministrazione, sentito il Consiglio accademico.